giovedì 21 maggio 2009

QUANDO MENO CE LO SI ASPETTA!

Eccomi qua nuovamente io MAFALDA



E' incredibile ma una discussione, un chiarimento un faccia a faccia mi ha rigenerato e riportato “sulla cresta dell'onda”
Continuavo a vivere la mia vita facendo finta che tutto fosse tornato alla normalità... ufficio, attività di mio marito qualche uscita con gli amici poi però in solitudine, nel tragitto da casa all'ufficio e viceversa, la sera nel letto prima di addormentarmi o quando comunque ero sicura che nessuno potesse vedermi piangevo.
Un pianto silenzioso, discreto non disperato, non drammatico, le lacrime mi scendevano così inesorabili con un dolere forte allo stomaco e al petto.
Mille pensieri, mille domande, mille immagini e mille dubbi affollavano la mia mente ma poi arrivavo in ufficio, a casa, mi addormentavo e via tutto! Un fazzoletto cancellava il passaggio di ogni lacrima e mi stampavo in faccia un'espressione neutra a tratti un falso allegro, con un sorriso forzato.
Mi sentivo come dentro ad un guscio trasparente dove, vedevo il bello che mi circonda ma non riuscivo a toccarlo, ad assaporarlo ... mi attirava, sapevo che se solo fossi riuscita a rompere il guscio tutto sarebbe tornato come prima anzi molto meglio perchè certi rapporti si sono rafforzati, certi legami si sono rivelati in tutta la loro grandezza.


Non ci riuscivo! Continuavo ad ammirare e invece che picchiare con tutte le forze per rompere quel maledetto guscio cercavo di difenderlo ... come?
Reagivo con aggressività e in maniera scontrosa con chi mi si avvicinava cercando di farmi vedere dove fossero i punti deboli per potere rompere il guscio quindi, neppure cercavano di romperlo! Volevano solo ed esclusivamente aiutarmi nell'indicarmi la trada.


Poi TAC una discussione imprevista e una notizia che mi ha colpito nel cuore e non ho esitato, non ho rotto il guscio ... l'ho DISINTEGRATO ^_^


Finalmente LIBERA, serena e con una grandissima voglia di recuperare il tempo perduto .. anche se sono stati pochi mesi è già troppo! L'unica cosa certa della vita è ....che non è eterna quindi mai perdere tempo, cogliere l'attimo e godersi ogni giorno al meglio.
Fin da subito lo sapevo, lo dicevo, lo scrivevo ma? NON lo facevo!


Sono pochi giorni (10 forse 15 giorni) che ho ripreso in mano la mia vita ma mi sembra di volare ... mi sento rinata, leggera e, fondamentale, DETERMINATA.



Ho ripreso a fare sport,

3 volte a settimana faccio una camminata a passo sostenuto di un'oretta circa ma la cosa più bella è stato quando ho preso la decisone inderogabile di RICOMINCAIRE A GIOCARE A TENNIS!!!


hi!hi!hi!

Fantozzi e Filini alla riscossaaaaaaaaaaaaaaa!

Ah!ah!ah!

Questa volta la prima partita l'ho prenotata alle 19 di sera .... svampita lo sono, ma il caldo infernale patito l'anno scorso non lo dimenticherò mai!


Altra accortezza, ho prenotato un campo al coperto... l'altra volta le palline schizzavano da ogni parte fuori che dentro al campo!


Questa volta è andata molto meglio .... siamo riusciti a palleggiare un po' anche se abbiamo inventato nuove regole, nel tennis che giochiamo noi valgono:

- i doppi, tripli, quadrupli rimbalzi ;
- tutto fa campo le righe non esistono e per fortuna c'è la recinzione altrimenti chissà dove finivamo a giocare....
- e un'ora è fatta di 45 minuti.

Grazie, Grazie,grazie per chi è comunque sempre passato epr vedere se c'ero e mi è stato vicino ;-) qui nel web e personalmente.

4 commenti:

angelabe ha detto...

Bentornata!!! Il tuo post è quanto di più liberatorio ci possa essere. Le tue parole scorrono come un torrente e fanno capire senza sapere quello che hai passato e da cui sei uscita. Brava!!! Così si fa! Ed ora avanti tutta!!!

Bubi ha detto...

Vivi la vita, non permetterti mai il lusso di fartela scivolare accanto, non esserne mai uno spettatore, assaporane ogni attimo, anche quello più triste e doloroso, perchè ognuno di quegli attimi sarà un tassello importante della tua "coperta" dei sogni. Sono felice che tu sia tornata

apaolal ha detto...

oh ecco :-)) questa e' la Mafalda che ho conosciuto.. che non si spezza (ma si piega ), che non si compiange (ma piange), che non si da per vinta (ma si sente sconfitta)..eccola.. con tutta la sua umana difficolta' nel vivere!!!
baci
baci
annapaola

Dori ha detto...

ora che ci siamo! Questa si è la Mafalda di sempre! Non sai il piacere che mi ha fatto leggere questo post. Mi sento quasi più leggera anch'io, mi faceva male sapere che eri così giù.
Un grosso abbraccio e un bacione
BENTORNATA MAFALDA!!
ciao Dori

*.* CLICCA SULLA TUA REGIONE E PROVINCIA E SAPRAI COME VESTIRTI,A CIPOLLA NON SI SBAGLIA MAI:-)