mercoledì 30 gennaio 2008

COINCIDENZE O IL DESTINO DISEGNATO DA DIO?

Questa mattina alla radio una canzone mi ha fatto emozionare fino alle lacrime, facendomi ripensare alla mia infanzia ma soprattutto al rapporto che avevo con mio padre...

Mio padre è morto quando io avevo 15 anni, era malato ma per quanto la malattia sembra ti prepari alla perdita per quanto è DURISSIMA acettarla in ogni modo, poi comunque impari semplicemente a conviverci!

Noi siamo in 5 sorelle, tutte femmine, ma se tra le mie sorelle c'è poca differenza tra loro io invece sono arrivata dopo un bel pò di anni....tra me e la prima ci sono 14 anni di differenza, tra me e la penultima (l'ultima sono io!) ci sono 8 anni .....
Mio padre con loro ha avuto il classico rapporto di padre lavoratore che portava a casa i soldi e tutto quel che riguarda i figli doveva pensarci mia madre...pochi gesti affetuosi, pochi giochi .... diciamolo un rapporto autoritario...con me invece si era trasformato.... giocavamo un sacco assieme,io gli stavo sempre in braccio, ci coccolavamo spessissimo dopo cena davanti alla tv o prima di dormire.

I miei genitori li ho sempre visti armoniosi, discutevano,si confrontavano ma con me sono sempre stati l'esempio di una perfetta coppia d'innamorati...nonostante la differenza d'età tra loro e i tanti figli

Con mia madre invece ho sempre avuto un rapporto conflittuale, litigavamo su tutto fin da subito ... mio padre doveva spesso mitigare e fare da arbitro e alla fine mi faceva desistere e mi convinceva ad ascoltare mia madre

Cosa voglio dire con Coincidenze o il destino disegnato da Dio?

Voglio dire che morto mio padre ho sofferto tantissimo e ho acettato la sua morte solo in età adulta....ma a causa di questa perdita ho dovuto affrontare il problema con mia madre e ho cercato di capire il perchè non riuscissimo a comunicare se non urlandoci contro.... ora abbiamo un rapporto bellissimo, guai a chi tocca la mia mamma.

Non dico che Dio abbia voluto staccare il cartellino a mio padre perchè così io potevo riappacificarmi con mia madre ....ma sicuramente è stato d'aiuto....

Ma non mi è successo solo con mio padre, ho avuto altri lutti in famiglia...purtropo...ma ogni volta quando "perdevo" una persona cara ho recuperato rapporti che davo per persi

Ecco quello che mi chiedo ogni tanto....ad ogni perdita per me dolorosa mi accorgo di avere una gioia che si contrappone

Non credo che sia solo una coincidenza!

.....Tutto questo l'ho ragionato mentre venivo al lavoro.....percorro ben 30 km per raggiungere il mio ufficio pensate se lavoravo ancora più lontano!!!

Buona giornata a tutti :-)

3 commenti:

ValeTata ha detto...

Io non so davvero cosa pensare... so solo che non riesco mai ad accettare la perdita delle persone care... nessuno ci insegna come affrontare questa cosa... x ognuna di loro che è andata via non passa mai il tempo x me, è sempre come se tutto fosse accaduto ieri...
Per quanto riguarda invece il rapporto con la mamma: bhe anche anche a me guai a chi la tocca!!! "alcune mamme" sono delle donne straordinarie che hanno fatto tanti sacrifici x la nostra felicità...
Con affetto, ValeTata

MAFALDA ha detto...

Grazie! spero di non averti intristito....perchè comunque ora, dopo tanti anni certe volte piango ancora per la perdita di mio padre ma il più delle volte lo ricordo sorridendo....perchè lo rivedo in tanti miei atteggiamenti. La mia fede mi aiuta ad acettare che siamo in questo mondo TEMPORANEAMENTE.... è inutile la vita è un contratto a termine quindi, diamo il meglio di noi stessi!

Niky ha detto...

Alle volte penso che certi eventi accadano per aprirci gli occhi. Sono arrivata alla coclusione che se serve una disgrazia ad unirci io la prevengo riallacciando in continuazione rapporti persi col tempo.
Credo sia presuntuoso pensare che tutto ruoti attorno a me, che qualsiasi cosa serva per permettere una mia crescita nella direzione giusta, però mi accorgo che pensandola così piano piano miglioro.
Secondo me hai fatto bene ha scrivere questa tua riflessione, a me ha fatto ricordare...

*.* CLICCA SULLA TUA REGIONE E PROVINCIA E SAPRAI COME VESTIRTI,A CIPOLLA NON SI SBAGLIA MAI:-)